Fondazione

Dopo un lungo e delicato cammino di discernimento, il 19 marzo 1873, San Leonardo Murialdo, riconoscendo la volontà di Dio, fonda la “Congregazione di san Giuseppe”, progetto che egli aveva ereditato dal teol. Pier Giuseppe Berizzi, suo predecessore come rettore nel Collegio Artigianelli.

In tale giorno, mercoledì della terza settimana di quaresima e festa di San Giuseppe, nella cappella del Collegio Artigianelli, dedicata allo stesso santo, alle ore 9,15, si riuniscono, dopo un periodo di preparazione e di intensa preghiera, il teol. Leonardo Murialdo, don Giulio Costantino, don Eugenio Reffo  e don Sebastiano Mussetti e i chierici Marcello Pagliero e Pier Giuseppe Milanese per dare inizio, con l’approvazione di mons. Lorenzo Gastaldi, arcivescovo di Torino, alla “Congregazione di san Giuseppe”.

Dopo aver celebrato la santa messa, il Murialdo rivolse un breve discorso sull’importanza dell’atto che stavano per compiere e, recitato il Veni Creator, tutti, iniziando dal Murialdo stesso, emisero la professione religiosa pronunciando la formula appositamente preparata. Si diede quindi lettura del verbale di fondazione che fu firmato dai sei professi e poi da due testimoni, il teol. Pier Giuseppe Berizzi e il teol. Roberto Murialdo.
Fu quindi appeso al quadro di san Giuseppe un cuore d’oro in segno di riconoscenza per l’avvenuta fondazione. La funzione si concluse con la recita del Te Deum.
Nel pomeriggio i sei membri della congregazione si recarono al Santuario della Madonna della Consolata per ringraziare la Vergine e a sera, nella stessa cappella di san Giuseppe, si tenne la prima adunanza durante la quale fu eletto il Murialdo a superiore generale della congregazione, e furono prese alcune decisioni pratiche.

Così ebbe origine la "Congregazione" e così essa iniziò i primi passi di un cammino che la porterà, attraverso il superamento di non poche difficoltà, a crescere in numero di membri e di opere per il bene di tanti giovani.